Browsed by
Tag: ANPIF

Contagio emotivo da covid19 – Numero verde 800199361

Contagio emotivo da covid19 – Numero verde 800199361

Contagio emotivo da Covid-19

in età evolutiva e in adolescenza

 

Sofia Tavella

_________________________________________________________________________________

 

CHIAMA IL NUMERO VERDE PER L’ASSISTENZA PSICOLOGICA DALL’ITALIA H’24 –

E’ UN SERVIZIO GRATUITO PER TUTTI!      ANPIF è CON TE!

__________________________________________________________________

Siamo in un tempo di emergenza da molti adulti confuso in un tempo di regime totalitario, a causa di tutte le misure restrittive adottate di giorno in giorno e, di settimana in settimana, da chi ci governa e in modo autonomo anche dalle singole regioni a tutela della nostra salute.

Quella  salute finora barattata con forme di narcisismo esibito

a tutti i costi in ogni luogo e in ogni dove.

Bambini, adolescenti e adulti, nessuno escluso, da questa competizione dove chi riusciva a far emergere un corpo perfetto, atletico, scolpito e in forma acquistava il privilegio di essere considerato un modello/mito per molti, votato anche sui social network per aumentare, grazie ai like, la percezione del valore di sè.

In questo tempo dove la parola d’ordine è “restare a casa” siamo diventati tutti un pò “autistici”.

L’autismo falso che il covid19 ha indotto come conseguenza inevitabile del rispetto anche delle regole sociali e di salute.

Abbiamo inaugurato una nuova stagione, quella della solitudine che evoca uno spazio di deserto, di silenzio, di ritiro.

I più discriminati dal covid sono i bambini.

Ma anche gli adolescenti sono ancor meno nominati

I bambini sono discriminati perché non si citano ormai da tempo, in nessun decreto, così come gli adolescenti.

È come se fossero scomparsi, mentre sono reclusi nelle loro case.

La popolazione dei bambini e degli adolescenti, così come quella degli adulti, ha acquisito una nuova identità, diversa da prima, protesica per definizione.

Dove le protesi sono molteplici per non rinunciare alla socialità e alla estimità e non rischiare l’isolamento emotivo/affettivo: gomiti al posto delle mani per scambiarsi un saluto, guanti e mascherine per coprire le parti nude della corporeità (mani e volto) fortemente mortificata dal virus perché considerate parti unte che potenzialmente possono ungere altri, i social, i pc, i telefoni che diventano più di prima indispensabili protesi anch’esse di tipo cognitivo e sociale.

 

Siamo nel tempo della nostalgia, della mancanza di oggetti/persone che si cercano in assenza di momenti di socializzazione.

E allora emerge la diversità tra bambini e giovani/adulti.

I bambini si fanno molte domande e cercano molte risposte in merito alle perdite subite: di tempo, di amici, di scuola, di sport, di spazio fuori per cercare di dare un senso a tanti stravolgimenti e restituirsi un ritmo di normalità.

Il loro pensiero magico/onnipotente rappresenta la risorsa migliore dell’età, l’antidoto alle angosce di separazione che invece molti adolescenti/adulti ruminano ossessivamente, narrano più compulsivamente come per ottenere un senso di leggerezza.

La creatività dei bambini e la loro alta predisposizione all’adattamento li rende più positivi nelle reazioni all’evento traumatico.

Perfino le paure possono essere esorcizzate grazie all’uso della immaginazione e della fantasia stimolata appositamente dai molti adulti per sostenere il superamento della frustrazione reale.

Gli adolescenti, normalmente depressi e annoiati, sono più appesantiti e agitati dall’arresto improvviso del tempo della vita.

Il covid19 ha imposto un tempo dilatato e un ritmo rallentato che calza stretto e innesca un senso di intolleranza estrema e, in alcuni casi, pensieri bizzarri e di tipo autolesivo.

Più ci si sente impotenti più si cercano strategie di superamento del limite e di trasgressione delle regole.

Tale impulsività si traduce in forme di fuga nel virtuale, bisogno di condivisione, di narrazione, di intimità, ossia riscoperta delle relazioni familiari.

Siamo nel tempo dell’attesa

 in un tempo che sembra somigliare a quello dell’Avvento del Natale.

I bambini trovano una parvenza di normalità nelle lezioni online  a distanza, così come gli adolescenti.

Nutrire illusioni sane generative (darsi obiettivi, impegnarsi in compiti, coltivare interessi) è l’attività maggiormente consigliata e di sicura efficacia se, somministrata sistematicamente, perché capace di formare i giusti anticorpi alla noia e alla paura.

L’incertezza del momento genera confusione, destabilizza, provoca emozioni miste a rabbia, paura e angoscia. Le paure  più emergenti riguardano il futuro, la salute fisica e la salute mentale.

La paura che nella distanza l’altro possa non considerarci importante e perderci, dimenticarci.

I bambini si attaccano allo schermo del pc o del telefono per ricercare volti famigliari e sentirsi di nuovo nella realtà conosciuta, riappropriarsene e rassicurarsi che nonostante tutto nulla è cambiato.

Gli adolescenti con i loro legami dipendenti rischiano di scivolare più in profondità nella dipendenza dai social, sviluppare una anestesia (sordità) affettiva e/o di sviluppare un’attenzione cognitiva/emotiva verso i legami quelli reali, quelli fisici e non virtuali, facendo esperienza di parole e non di silenzi, di condivisione di interessi e di gesti quotidiani.

L’eredità positiva, per piccoli e grandi, del covid è la relazione.

Il covid ci sta addomesticando a seguire quelle 5 regole del metodo Tata Matilda, tratto da una serie di libri di bambini della scrittrice inglese  C. Brand. Isabel Green

che è una giovane madre di tre figli che lotta per mandare avanti la fattoria da sola nonostante diverse difficoltà.

Prima di tutto c’è la preoccupazione di avere un marito in guerra che combatte al fronte;

poi c’è anche un vile cognato pronto a tutto per farle vendere la proprietà, che di certo non aiuta;

non mancano le frustrazioni di un lavoro che non ama presso una negoziante scorbutica con frequenti crisi di senilità.

Inoltre l’ansia che si respira in città tra la paura dei bombardamenti e le preoccupazioni per le sorti del Paese dopo la guerra mette una certa pressione addosso.

Alla porta di Isabel Green però busserà la mitica e insostituibile bambinaia delle emergenze, che resta quando non la vuoi e se ne va quando vorresti che restasse.

Con i suoi strambi metodi e il suo affetto sarà di grande aiuto ai tre bambini.

Le 5 semplici regole del Tempo di riempimento dell’attesa e del Tempo di cambiamento e di rinascita:

  • Smettere di litigare

  • Chiedere scusa ed essere grati

  • Essere gentili

  • Aiutarsi con empatia

  • Avere fede e speranza.

Mai perdere la speranza! INSIEME CE LA FAREMO!

 

di Sofia Tavella

Psicologa-Psicoterapeuta per l’infanzia e per l’adolescenza (C.i.ps.ps.i.a Bologna)

Docente di Psicologia della riabilitazione – Università Sapienza di Roma

Psicologa in farmacia del Team Anpif  –

______________________

_________________Associazione Nazionale Psicologi In Farmacia___________________

 

 

 

News Corso di Formazione 1°e 2° Livello 2018

News Corso di Formazione 1°e 2° Livello 2018

LABORATORIO DI PSICOLOGIA DELLA SALUTE IN FARMACIA

MENTAL HEALTH FIRST AID NELLA FARMACIA DEI SERVIZI

CORSO di 1° e di 2° LIVELLO

 La nuova edizione del Corso completo di Psicologia in Farmacia. 3 gli appuntamenti per offrire una formazione completa per il ruolo dello Psicologo in Farmacia.

Venezia – Milano – Roma 

Ci siamo rinnovati organizzando un corso completo, di primo livello (prima giornata) e di secondo livello (due giorni), con protocolli specifici per progetti a tema per rispondere alle esigenze della nuova farmacia dei servizi, in continua e costante evoluzione.

Il nostro progetto, iniziato circa sette anni fa, ha consentito la diffusione del servizio in tutta italia, ora e’ necessario specializzarsi per ed il solo primo corso che avevamo organizzato,  ci sara’ la possibilita’ di frequentare moduli specifici per progetti specialistici per la farmacia, come ad esempio: Il biofeedback per la valutazione psicofisiologica dello stress, unico  a fornire, in aggiunta al referto tecnico con tutti i dati, anche il referto automatizzato con l’analisi dei risultati del livello di ricaduta della reazione di stress sul sistema cardiovascolare, della capacità di recupero e i consigli personalizzati da consegnare al paziente, oltre al  (questo progetto e’sempre a pagamento in farmacia), e’ stato creato da me, Fiorella Palombo e da Righetto elettromedicali.

Dott.ssa Fiorella Palombo – Presidente e founder ANPIF 

I quotidiani parlano del Convegno nazionale di Psicologia in Farmacia-un nuovo Modello di aiuto, organizzato dal CNOP, al quale ha partecipato la Presidente dell’Associazione Nazionale Psicologi in Farmacia in qualità di relatore.

clicca sui link per leggere:

http://www.rifday.it/2018/01/16/psicologi-farmacia-pieno-presenze-convegno-alla-biblioteca-del-senato/

http://www.quotidianosanita.it/m/lavoro-e-professioni/articolo.php?articolo_id=57963

Ma vediamo  di spiegarci meglio:

Per lavorare in Farmacia con ANPIF, utilizzare il materiale con il logo, riservato ai soci, richiede di essere  regolarmente iscritti, il rinnovo va fatto annualmente.

Per conoscere le buone pratiche e i progetti strutturati ad hoc per la farmacia, è necessario frequentare il corso di formazione per  modello di Psicologia in Farmacia, per operare nel rispetto di tutti gli aspetti coinvolti: normativi-giuridici-deontologici-progettuali; ha consentito inotre la diffusione del progetto su tutto il territorio nazionale.

Il Modello di Psicologia in Farmacia è strutturato per garantire un servizio funzionale al contesto e favorire il successo.

Forniamo tutto l’impianto per lavorare in farmacia.

Per noi è importante fornire strumenti efficaci per lavorare in farmacia e le metodologie sono state strutturate ad hoc per la nuova Farmacia dei Servizi.

ATTENZIONE: i contenuti e le foto sono protetti da copyright 2014, vi invitiamo a non sentire la necessita’ di copiare, ma di unirvi piuttosto a noi. Grazie.  

Il Laboratorio di Psicologia della Salute in Farmacia per la prevenzione e la promozione della Salute in farmacia secondo le normative vigenti per la nuova Farmacia dei Servizi.

“Senza salute mentale la salute non è possibile” (OMS, 2005)

Introduzione

La salute mentale, secondo la definizione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), è uno stato di benessere emotivo e psicologico grazie al quale l’individuo è in grado di sfruttare le sue capacità cognitive o emozionali, esercitare la propria funzione all’interno della società, rispondere alle esigenze quotidiane della vita di ogni giorno, stabilire relazioni soddisfacenti e mature con gli altri, partecipare costruttivamente ai mutamenti dell’ambiente, adattarsi alle condizioni esterne e ai conflitti interni.

Il concetto di salute è, quindi, qualcosa di più della semplice assenza di malattia: è uno stato di benessere fisico, sociale, affettivo e psicologico.

Gli ultimi dati riguardanti la salute mentale sono molto preoccupanti : si stima che più del 27% degli europei adulti almeno una volta nella vita sia stato afflitto da una patologia mentale, tra cui le più diffuse sono legate a disturbi quali ansia e depressione e patologie correlate all’invecchiamento.

 

Il Progetto “Psicologo in Farmacia” si muove nella prospettiva di promuovere il benessere psicologico delle persone in tutte le fasce di età,  di organizzare progetti per la prevenzione della salute e favorire la riduzione del rischio di cronicizzazione e partecipando in modo decisivo alla riduzione della spesa sanitaria, creando, in sinergia con i farmacisti, un nuovo modo di prendersi cura di sé e acquisire stili di vita più sani.

La facilità di accesso in farmacia da parte degli utenti permetterà allo psicologo di svolgere la fondamentale funzione di orientamento e aiuto per la successiva fruizione dei servizi di sanità pubblica, alleggerendone i costi.

Secondo il “Libro Verde” della Comunità Europea un simile panorama impone di disporre di strumenti di sorveglianza e di monitoraggio dell’entità del fenomeno e di diffondere interventi terapeutici e preventivi, basati su evidenze scientifiche, atti a promuovere la salute mentale.

I livelli del corso

La nuova edizione 2018 del corso completo di Psicologia in Farmacia si articola in due livelli:

  • primo livello: durata 1 giorno
  • secondo livello: durata 2 giorni

Le date del corso 

Primo Livello

  • Venezia, venerdì 18 Maggio  9.00 alle 18.30
  • Milano, venerdì 25 Maggio  9.00 alle 18.30
  • Roma, venerdì 15 giugno 00 alle 18.30

Secondo Livello

  • Venezia, sab-dom 19-20 maggio   9.00 alle 17.30
  • Milano, sab-dom 26-27 maggio  9.00 alle 17.30
  • Roma, sab-dom 16-17 giugno 9.00 alle 17.30

Come funziona il corso

  • E’ obbligatorio frequentare tutti i tre giorni di corso (I e II livello).
  • Per gli iscritti ad ANPIF che hanno già frequentato la prima edizione del corso, è possibile scegliere di rifrenquentare il primo livello (gratuitamente) o iscriversi direttamente al II livello (a pagamento), che si svolgerà nei giorni 2 e 3 di ciascun corso.
  • E’ richiesta (non obbligatoria) l’iscrizione come soci all’Associazione ANPIF (che stiamo cercando di far diventare di associazione di categoria), allo scopo di offrire agli iscritti supporto a tutti i livelli e dare un ulteriore riconoscimento istituzionale, che si somma a quello già ricevuto e in essere.

A chi è rivolto il corso

Il corso è rivolto a psicologi, farmacisti e agli psicologi e farmacisti neo abilitati in attesa di iscrizione all’albo. 

Sono previsti 10 ECM per psicologi e farmacisti (Educazione Continua in Medicina).

Perché due livelli?

Partito circa sette anni fa, il nostro progetto di Psicologia in Farmacia ha consentito la diffusione del servizio di Psicologi in farmacia in tutta italia. Il successo dell’iniziativa e la crescita della domanda ha reso necessario una maggiore specializzazione. Per questo motivo l’edizione di quest’anno prevede due livelli, entrambi obbligatori.

 Lo scopo del corso

Il corso ha lo scopo di fornire una formazione completa per lo svolgimento del servizio di Psicologo in Farmacia.

Sono previsti protocolli specifici focalizzati su progetti a tema. La suddivisione in aree tematiche risponde alle esigenze della nuova farmacia dei servizi, in continua e costante evoluzione.

                                                                                 ___________________________________________________________________

Ospiti  d’onore:

  • Prof.ssa Anna Oliviero Ferraris per i Progetti Adolescenti in farmacia 
  • Prof. Rocco Carbone del Tavolo tecnico al Ministero della Salute per la Farmacia dei Servizi

DOCENTI:

Dott.ssa Giada Maslovaric Psicologa/Psicoterapeuta, Docente e Supervisor EMDR  italia

Prof. Rocco Carbone Docente Universitario in naturopata, Farmacista del Tavolo tecnico Ministero della Salute per la Farmacia dei Servizi – ideatore di “Il Farmacista Counselor”

Dott. Gabriel Munoz Psicologo/Psicoterapeuta, Coordinatore Comunità adolescenti

Dott.ssa Fiorella Palombo Psicologa/Psicoterapeuta – Neuropsicologa clinica e forense –  Presidente ANPIF – Founder e Ceo di Farmacia e Psicologia.it

Dott.ssa Elisa Pizzonia  Psicologa /Psicoterapeuta Psicosessuologa – Neuropsicologa

Dott.ssa Desireè Penna Psicologa/Psicoterapeuta CTU Tribunale Venezia

Costi d’iscrizione per Iscritti ad ANPIF

DATALUOGOPROGRAMMAIscrizione
Livello I° e II°
18-19-20 maggio 2018
Assegnati Crediti ECM
Best Western Hotel Bologna
Venezia
Scarica il programmaIscriviti online
oppure
Scarica la scheda d’iscrizione
Livello II°
18-19 maggio 2018
(Solo per chi ha già frequentato il I° livello)Assegnati Crediti ECM
Best Western Hotel Bologna
Venezia
Scarica il programmaIscriviti online
oppure
Scarica la scheda d’iscrizione
Livello I° e II°
25-26-27 maggio 2018
Assegnati Crediti ECM
Hotel Sanpi
Milano
Scarica il programmaIscriviti online
oppure
Scarica la scheda d’iscrizione
Livello I° e II°
15-16-17 giugno 2018
Assegnati Crediti ECM
Hotel Ariston
Roma
Scarica il programmaIscriviti online
oppure
Scarica la scheda d’iscrizione
Livello II°
16-17 giugno 2018
(Solo per chi ha già frequentato il I° livello)Assegnati Crediti ECM
Hotel Ariston
Roma
Scarica il programmaIscriviti online
oppure
Scarica la scheda d’iscrizione

Costi d’iscrizione per non Iscritti ad ANPIF

DATALUOGOPROGRAMMAIscrizione
Livello I° e II°
18-19-20 maggio 2018
Assegnati Crediti ECM
Best Western Hotel Bologna
Venezia
Scarica il programmaIscriviti online
oppure
Scarica la scheda d’iscrizione
Livello I° e II°
25-26-27 maggio 2018
Assegnati Crediti ECM
Hotel Sanpi

Milano

Scarica il programmaIscriviti online
oppure
Scarica la scheda d’iscrizione
Livello I° e II°
15-16-17 giugno 2018
Assegnati Crediti ECM
Hotel Ariston
Roma
Scarica il programmaIscriviti online
oppure
Scarica la scheda d’iscrizione

FAQ

  • CHI PUO’ FREQUENTARE IL SECONDO LIVELLO DEL CORSO ? –ESCLUSIVAMENTE  CHI HA GIA’ FREQUENTATO I NOSTRI CORSI PRECEDENTI.
  • IL 1° E 2° LIVELLO SONO OBBLIGATORI PER TUTTI? SOLO PER CHI NON HA MAI PARTECIPATO AI NOSTRI CORSI PRECEDENTI PER LO PSICOLOGO IN FARMACIA;
  • E’ POSSIBILE FREQUENTARE SOLO IL 1° LIVELLO DEL CORSO? NO, LO AVEVAMO ANTICIPATO TEMPO FA CHE CI SAREBBE STATO UN CAMBIAMENTO, E’ ARRIVATO.
  • COSA SIGNIFICA PRIMO LIVELLO E SECONDO LIVELLO? IL PRIMO LIVELLO CORRISPONDE AI PRECEDENTI CORSI PER LO PSICOLOGO IN FARMACIA ED E’ STATO CONCENTRATO IN UNA GIORNATA DI REALI 8 ORE ED E’ SULLA APERTURA E GESTIONE DEL SERVIZIO, CONTRATTO, CONSENSO INFORMATO, ASPETTI NORMATIVI E GIURIDICI, E DUE DEONTOLOGIE A CONFRONTO, PROGETTO COME E PERCHE’. IL SECONDO LIVELLO CHE SARA’ CONCENTRATO NEI DUE GIORNI SUCCESSIVI E BASATO SU MODULI SPECIFICI A TEMA.
  • A CHI E’ APERTO IL CORSO? AGLI PSICOLOGI ABILITATI ANCHE SE IN ATTESA DI ISCRIZIONE ALL’ALBO E AI FARMACISTI.
  • E’ APERTO AI NEOLAUREATI? E’ APERTO ESCLUSIVAMENTE A CHI E’ GIA’ IN POSSESSO DI ABILITAZIONE E IN ATTESA DI ISCRIZIONE ALL’ALBO.
Copyright 2014 all rights reserved  – Vietato copiare contenuti e foto

INFO:

Segreteria ANPIF:   Tel. 3929021162  e.mail: info@farmaciaepsicologia.it